Solo “X Men: First Class” e punto.

Oggi non mi sento in vena di scherzare. Non ho per niente voglia. Sono in una di quelle giornate dove non riesco a fare altro che fare commenti acido-sarcastici, punzecchiando le persone. Mi mancano meno di 36 ore all’esame orale, non sono andato al mare stasera (ed è sabato sera, eh) perchè “ritenevano che questo sabato sarebbe stato meglio se mi fossi riposato”, il Brasile ha pareggiato 2 a 2 all’ultimo minuto contro il Paraguay per il quale tenevo e non riesco a scambiare più di due parole con lei. Va beh, altra storia. Di che volevo parlare? (Scorro la rotella del mouse, guardo il titolo del post e riscorro la rotella tornando qui) Ah, giusto “X-Men: First Class” e non “Le Origini”, cari traduttori italiani. Va beh, c’è qualche vostro amico che ha fatto peggio, molto peggio però non sopporto le traduzioni italiane accazzo. Premetto che il mio film precedente del filone X-Men era lo spin off di Wolverine che mi ha fatto alquanto schifotto, trovandolo notevolmente deludente e incapace di coinvolgere lo spettatore. Con questo, la “saga” ritrova un po’ di brio e di azione ben confezionata dei vecchi X-Men, uno e due. Il tre mi ha deluso. Doveva essere un battaglione finale megagalattico, ma non sembra riuscire a sparare tutte le cartucce, fallendo nel suo scopo ludico. Nonostante questo sia un prodotto puramente commerciale è ben fatto, diverte e coinvolge, raggiungendo pienamente la sufficienza e forse un mezzo voto in più.

Il primo vero mutante mentre sta controllando mentalmente dodici apostoli.

Io non sopporto i prequel: vedere un film di cui conosco già la fine e quindi sto per tutta la durata del film a farmi domande del tipo “Ma il Professor X quando va sulla sedia a rotelle?” o “Perchè Mystica prima è amica del Professor X e dopo è alleata di Magneto?” Odio pormi domande del genere, conoscendo già la fine. Però forse questo è uno dei migliori prequel che abbia visto perchè introducendo millemila personaggi, storie e citazioni della storia fumettistica e cinematografica degli X-Men, riesce a farti pensare non solo alle domande citate lì sopra, ma riesce anche a collegare senza pesantezza e senza l’utilizzo di giustificazioni banali, gli avvenimenti successivi. E qui parlo di Star Wars Episodio I-II-III in cui per tre fottutissimi film ti chiedi senza interruzione “Quando cazzo Anakin diventa Darth Vader?” mentre gli sceneggiatori scrivono improponibili guerre introducendo personaggi sempre più stupidi e razze aliene sempre più strane per allungare il minutaggio del film. In sintesi, X-Men: First Class è un prequel ma non te lo fa pesare, ricordandotelo ogni trenta secondi. Parlando della trama, questo film racconta la storia dell’amicizia tra Charles Xavier (Prof. X) e Erik Magnus (Magneto) prima che diventassero nemici, cominciando a trovare sempre più mutanti in giro per il mondo mentre affrontano un Kevin Bacon in buona versione cattiva. Il tutto in anni ’60 molto versione 2011 e oltre.

Il secondo vero mutante mentre cerca di spostare i capi di imputazione a suo carico con la forza telecinetica.

Concludendo posso dire che è un bel film di supereroi. Ok, che vengo da “Thor” e quindi praticamente tutto mi sembra migliore di uno Xena al maschile con migliori effetti speciali e qualcuno di non ubriaco alla sceneggiatura. Gli effetti speciali sono ben fatti, il cast, oltre a mr. Pancetta, non è famosissimo ma è buono per i ruoli che devono interpretare. Simpatico il cameo di Hugh “Wolverine” Jackman. Battaglie carine… Insomma, per una serata d’azione è l’ideale. Voto 6+, parola di Francesco Amadori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...